Ha ancora senso differenziare marketing e PR?
16 gennaio 2019
“The Black Game”: pionierismo o caduta di stile?
24 gennaio 2019

Smart working: molto più che lavoro da casa

Per lungo tempo, in Italia, lo smart working è stato considerato un’utopia, quasi un lusso per quei fortunati lavoratori nord europei. Ora fortunatamente le cose stanno cambiando. Molti imprenditori hanno compreso l’importanza di un miglior rapporto lavoro/vita privata per i propri dipendenti e riconoscono i vantaggi in termini di produttività e miglioramento delle prestazioni. Lo sviluppo tecnologico garantisce l’accesso a nuovi strumenti digitali che, oltre a semplificare il lavoro, permettono di lavorare da remoto, sempre, in qualsiasi momento. 

Le realtà che hanno abbracciato questa tendenza, stanno riscontrando notevoli miglioramenti. Un cambiamento che parte dalla tecnologia ma non è solo questo, è soprattutto un cambiamento radicale che coinvolge spazi, tempi e ruoli. 

Cos’è veramente lo smart working?

Alla base del lavoro agile, o meglio, smart working, vi è un principio fondamentale: i risultati sono più importanti delle ore passate in ufficio. Questo si slega completamente dall’idea tradizionale di lavoro e porta verso nuovi traguardi: massimizza la produzione, riduce l’impatto ambientale, incrementa la soddisfazione dei dipendenti e, di conseguenza, migliora la brand identity dell’azienda.

Quali sono i pilastri dello smart working? 

Il primo è sicuramente la flessibilità. Questa si accompagna all’assunzione di maggiori responsabilità da parte del dipendente, per raggiungere gli obiettivi prefissati dall’azienda. 

A seguire vi sono la connettività e la collaborazione, fondamentali se si vuole creare un team affiatato e sempre connesso, quando serve anche oltre al consueto orario di lavoro, dando la possibilità di condividere informazioni e documenti in modo semplice e immediato. 

In terzo luogo troviamo lo spazio di lavoro, che non è più necessariamente sempre lo stesso ma cambia in base alle attività. Ultimo, ma non per importanza, è la revisione continua e il riadattamento dei processi che devono necessariamente armonizzarsi allo sviluppo tecnologico e al conseguente cambio delle dinamiche sociali.

Quali sono i vantaggi dello smart working? 

I vantaggi, come dicevamo, sono molti. Tra questi spiccano: l’aumento della produttività e dell’efficenza operativa, una più efficace gestione degli spazi e una conseguente riduzione dell’impatto ambientale, un miglioramento del work-life balance e una maggiore collaborazione tra persone all’interno del team.

 

Photo by Clark-Tibbs on Unsplash

Le aziende nel nostro Paese stanno sempre più volgendo lo sguardo a questa strategia e iniziano a comprendere che questa sia la strada giusta da percorrere. 

Ad oggi, in Italia, le persone che lavorano in modo smart sono circa 480.000 cioè il 12,6% del totale degli occupati. A dirlo è l’Osservatorio Smart Working della School of Management del Politecnico di Milano, il quale afferma inoltre che nelle aziende di grandi dimensioni, una realtà su due ha avviato progetti strutturati di smart working, mentre nell’ambito delle piccole e medie imprese l’implementazione di piani strutturati riguarda l’8% del totale.

Photo by raw pixel on Unsplash 

Secondo il Direttore scientifico dell’Osservatorio, Mariano Corso, l’adozione di questa strategia porta benefici economici e sociali misurabili e tangibili: si tratta di un incremento della produttività del 15% per lavoratore, di una riduzione del tasso di assenteismo del 20%, di risparmi del 30% sui costi di gestione degli spazi e un miglioramento del work-life balance per l’80% dei dipendenti. Inoltre i lavoratori si sentono responsabilizzati verso il raggiungimento degli obiettivi prestabiliti e sono stimolati alla collaborazione sviluppando una capacità di gestione delle urgenze e si riscontra, inoltre, un accrescimento dell’autonomia nelle attività lavorative. 

Il lavoro smart non è solo ‘far lavorare i dipendenti da casa’ ma si tratta di una modalità operativa ormai imprescindibile in qualsiasi realtà aziendale che mira al raggiungimento degli obiettivi di business aziendali.

La tua azienda possiede già una strategia di implementazione dello smart working? Scrivici e ti aiuteremo a realizzarla e implementarla. 

Alla prossima & stay U-MAN!

 

Lascia un commento